Centraline idroelettriche: tanto ai privati, poco ai comuni

Scritto da redazione RBE il . Postato in energia, Notizie Evangeliche, Steadycam

Nel corso degli anni sono state costruite una quindicina di centraline idroelettriche sul Pellice e i suoi affluenti. Sono derivazioni con lunghe tubazioni che alimentano piccole centrali, sottraendo l’acqua ai torrenti che, soprattutto nei mesi estivi o di particolare siccitĂ , rischiano di restare senza un portata sufficiente.

Secondo la legge dovrebbe essere lasciato il Deflusso Minimo Vitale, DMV, ma «questo non sempre succede e genera moria dei pesci e della vita dei fiumi, del fiume stesso, crea danni permanenti alla fauna, alla vegetazione, e genera un ambiente desolato», avvertono dal Comitato beni comuni val Pellice.

Continua a leggere l’articolo su Riforma.it

Il neonato Comitato Beni Comuni val Pellice ha lanciato l’allarme qualche settimana fa.

Ascolta l’intervista a Marco Baltieri – ATAII e Beni Comuni val Pellice

Il tratto del fiume Angrogna interessato dalla derivazione

foto 1 foto 4 foto 5 foto 4 foto 3 foto 2 foto 1 foto 5 foto 4 foto 3 foto 2 foto 1

 

La centralina da 49 Kw a Bobbio Pellice

La centralina di Bobbio il cartello lavori della centralina foto 3 Il Subiasco non arriva al Pellice foto 1

Tags: