Le chiese europee davanti alla sfida della disoccupazione giovanile – Lavoro

Scritto da Fcei il . Postato in Notizie Evangeliche

Roma (NEV), 19 marzo 2014 - “L'occupazione giovanile in Europa – una sfida per le chiese?” è il titolo dell'incontro che la Conferenza delle chiese europee (KEK) e l'Azione delle chiese per il lavoro e la vita (CALL) organizzano dal 24 al 26 marzo a Bruxelles. “Vogliamo prima di tutto dare la parola ai giovani su quella che è tra le più grandi emergenze della crisi del nostro continente: l'esclusione dei giovani dal mondo lavorativo”, spiegano gli organizzatori che attendono circa 50 partecipanti tra rappresentanti di organizzazioni ecclesiastiche giovanili, operatori di associazioni diaconali ed esperti di politiche europee. I dati sulla disoccupazione giovanile sono drammatici: nei 28 paesi dell'UE sono quasi 5 milioni e mezzo i giovani che non hanno occupazione. Come affermano gli organizzatori, “nella fede cristiana, la dignità di una persona è data da Dio e non dipende dalle proprie realizzazioni. Ogni essere umano, in base alle proprie competenze, è chiamato da Dio a servire il proprio prossimo e l'intera creazione. Per questo la disoccupazione non è solo un ostacolo economico, ma una grave menomazione della persona, del suo benessere e della sua integrità”. Il tema è dunque di pertinenza delle chiese che, nell'incontro di Bruxelles, lo affronteranno a partire dalle testimonianze dirette dei giovani europei, cercando poi di analizzare le cause e le conseguenze della disoccupazione giovanile nel continente. Ampio spazio verrà dato alle politiche europee sulla materia, ma soprattutto alla presentazione di buone pratiche attuate dalle chiese in Europa. A questo proposito la metodista Laura Nitti presenterà il “Progetto lavoro” della Consulta delle chiese evangeliche di Roma (vedi NEV 04/2014). “Il progetto è partito lo scorso mese di gennaio e si propone di orientare i giovani delle chiese evangeliche romane nel mercato del lavoro – ha spiegato Nitti all'agenzia stampa NEV -. Si tratta di mettere in rete le diverse realtà del territorio, offrire informazioni e consulenze mirate, mettere a disposizione piccole e, purtroppo, limitate borse di studio per la partecipazione a corsi di formazione. L'incontro di Bruxelles ci aiuterà a metterci in rete con altre esperienze per migliorare ed eventualmente ampliare il nostro progetto”, ha aggiunto Nitti. Dall'Italia sarà presente anche la giovane metodista Giulia Pagliani, membro della Commissione Globalizzazione e ambiente (GLAM) della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI).CALL è una rete ecumenica europea costituitasi nel 2010 nell'ambito della KEK per occuparsi di questioni legate al lavoro e all'economia. La prossima assemblea di CALL si terrà a Roma dal 22 al 24 settembre 2014.

Tags: