Il social housing a Pinerolo

Scritto da redazione RBE il . Postato in casa, Notizie Evangeliche, Pinerolo, Social Housing, Steadycam

Sono iniziati i lavori di riqualificazione dello stabile di Via Vescovado 20, a Pinerolo, per la realizzazione di undici alloggi di Social Housing. Un progetto importante per la Città, che ha visto la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Pinerolo e la Città di Pinerolo impegnate nel portare a termine la progettazione che permetterà a diversi nuclei in difficoltà del pinerolese – con particolare riferimento a donne, donne sole con figli e anziani – di avere un punto di riferimento fondamentale per la casa.

Ascolta l’intervista al sindaco di Pinerolo Eugenio Buttiero

Il percorso prende il via con la risposta ad un avviso della Regione Piemonte per “Manifestazione di interesse per Social Housing”. Il progetto per il recupero dello stabile di Via Vescovado, di proprietà della Società Operaia di Mutuo Soccorso, ottiene il via libera della Regione, con un finanziamento di oltre 1 milione di euro. In questi anni sono stati poi necessari diversi passaggi amministrativi e burocratici per poter arrivare all’avvio dei lavori. Tra questi, nel 2012, l’approvazione del “Protocollo d’intesa per la realizzazione dell’intervento sperimentale di Social Housing localizzato nel comune di Pinerolo”, tra Comune di Pinerolo, Società di Mutuo Soccorso di Pinerolo e Regione Piemonte.

Il Comune di Pinerolo ha stanziato 448.602,508 euro per contribuire alla realizzazione di questo progetto. Nel complesso, l’investimento, con il ribasso d’asta del 27,99%, ammonta a 1 milione e 300 mila euro, compreso di costo progetti, Iva e sicurezza. I lavori sono stati affidati alla ditta Viviani Impianti Srl. Nello stabile via Vescovado verranno realizzati 11 alloggi di metrature variabili, per un totale di circa 730 metri quadrati di superficie, con spazi comuni al piano interrato, quali lavanderia e sala incontri.

Da segnalare anche la supervisione al progetto di recupero delle Sovrintendenze ai Beni Artistici e Culturali: verranno salvaguardati alcuni affreschi rinvenuti, i soffitti lignei resenti nella struttura e sarà consolidato sotto l’aspetto sismico. Le opere verranno realizzato in base a quanto stabilito anche dal “Protocollo Itaca Sintetico”, ovvero seguendo tutte le indicazioni per edifici ad alta efficienza energetica.

L’intervista a Ermanno Sacchetto, presidente della Società di mutuo soccorso di Pinerolo

 

Tags: