Documento campo FGEI “Scusa, puoi ripetere?”

Scritto da FGEI il . Postato in Campi Formazione FGEI, campo, Centri Giovanili, Centro Adelfia, chiesa, Dai campi, Esteri, FGEI, FGEI is the way, formazione, giovani, News, Notizie Evangeliche

Pubblichiamo il documento elaborato durante il campo “Scusa, puoi ripetere?” svoltosi ad Adelfia dal 29 al 31 luglio 2016, con tema “parlarsi, ascoltarsi e capirsi in una chiesa interculturale”. Frutto del lavoro in gruppi, il documento è diviso in due parti. La prima sull’aspetto della ricchezza linguistica, la seconda sulla multiculturalità. Si tratta di documenti aperti alla discussione e alla critica, per cui speriamo di ricevere i vostri commenti e le vostre reazioni per continuare a vivere la FGEI in modo condiviso e pluralista.

Documento campo FGEI “Scusa, puoi ripetere?”

Adelfia, 29-31 luglio 2016

LINGUE

La Federazione,

prendendo atto della composizione sempre più interculturale delle nostre chiese e dei nostri incontri, riconosce l’importanza del plurilinguismo per la crescita personale dei/delle giovani/e, e per l’arricchimento delle discussioni; riconosce altresì l’importanza del proseguire ad avere come lingua comune della vita della FGEI l’italiano, facilitandone la comprensione e l’apprendimento da parte di chi non è madrelingua.

Propone di lavorare nella direzione di:

* tradurre i materiali necessari allo svolgimento delle attività (eventualmente prevedendo un riassunto delle stesse) nelle lingue veicolari;

* stimolare gli fgeini e le fgeine allo studio e alla pratica delle lingue;

* individuare e valorizzare i talenti nell’ambito della traduzione e dell’interpretariato, al fine di responsabilizzare sul medio/lungo periodo le persone competenti a mettere i loro doni a disposizione della federazione.

INTERCULTURA

La Federazione,

consapevole della necessità sempre crescente nella società e nelle chiese di mantenere e sviluppare spazi democratici di riflessione comune sulla multiculturalità e di ascolto dell’altro/dell’altra;

avendo riconosciuto che la differenza tra le persone è un elemento di ricchezza e una risorsa, nonché un elemento costitutivo dell’unità e dell’identità multiculturale di ogni comunità e società;

si impegna a testimoniare e promuovere modalità di incontro, scambio e interazione che si realizzano attraverso la consapevolezza del pregiudizio insito in ognuno/a; la volontà e l’impegno a superarlo per permettere il reciproco riconoscimento dei valori che stanno dietro alle azioni e alle tradizioni; la collaborazione con le chiese, gli esecutivi e le organizzazioni internazionali di cui la FGEI fa parte.

 

Per la redazione web: Matteo Mancini

Tags: