21 marzo: per non dimenticare le vittime della Mafia

Scritto da Matteo Chiarenza il . Postato in Libera Piemonte, Notizie Evangeliche, novara, scuola, Un miglio per la legalità, Volpiano

Il 21 marzo si celebra la giornata della memoria delle vittime di mafia. Le iniziative di Libera Piemonte e l’iniziativa delle scuole di Volpiano

L’articolo 21 marzo: per non dimenticare le vittime della Mafia proviene da Radio Beckwith Evangelica – Radio RBE.

I beni confiscati alle mafie in Piemonte utilizzati a fini sociali

Scritto da Diego Meggiolaro il . Postato in beni, Coazze, confische, Emanuele De Zuanne, Ivan Marusich, Libera, mafie, Nichelino, Notizie Evangeliche, Piemonte, Torino, Volpiano, Volvera

Ci sono anche Volpiano, Nichelino, Coazze e Volvera tra i Comuni piemontesi che riutilizzeranno a scopi sociali immobili e terreni confiscati alle mafie e alla criminalità organizzata ubicati nei rispettivi territori. Gli altri sono Novara, Borgomanero, Moncalvo, Dusino San Michele e Bosco Marengo.

The post I beni confiscati alle mafie in Piemonte utilizzati a fini sociali appeared first on Radio Beckwith Evangelica – Radio RBE.

Il lavoro nel torinese tra crisi e timido ottimismo

Scritto da Diego Meggiolaro il . Postato in Burgo, Comital, fiom, Julia Vermena, lavoro, Notizie Evangeliche, Saluzzo, Verzuolo, Volpiano

La puntata di giovedì 12 ottobre l’abbiamo dedicata al lavoro. Siamo andati a sentire nel dettaglio la situazione alla Comital di Volpiano e alla Burgo di Saluzzo. Poi, a Renato Zambon, responsabile del centro per l’impiego di Pinerolo e Rivoli, abbiamo chiesto gli ultimi dati occupazionali disponibili sul nostro territorio, il pinerolese e la provincia di Torino.  

The post Il lavoro nel torinese tra crisi e timido ottimismo appeared first on Radio Beckwith Evangelica – Radio RBE.

La complessa situazione della Comital

Scritto da Diego Meggiolaro il . Postato in alluminio, Comital, industria, lavoro, Notizie Evangeliche, Piemonte, Volpiano

La storica azienda Comital di Volpiano rischia la chiusura. La proprietà francese ha annunciato la chiusura e il licenziamento immediato di 140 lavoratori ma adesso si muove la politica con l’assessora Regionale al lavoro Gianna Pentenero che si è formalmente impegnata.