I cinque «Sola» della Riforma

Scritto da valdesidipignano.it il . Postato in Argomenti

Sola Scriptura: La Scrittura è la sola autorità

La dottrina che la Bibbia sia la sola autorità suprema fu il “principio formale” della Riforma. Nel 1521 durante l’interrogatorio storico di Lutero alla Dieta di Worms, egli dichiarò che la sua coscienza fosse prigioniera della Parola di Dio dicendo: “Se non sono superati con testimonianze della Scrittura o con evidenti ragioni – perché credo che né il papa né Consigli, poiché essi hanno spesso errato e contraddetto l’un l’altro – sono superati dai testi di Scrittura che ho addotto, e la mia coscienza è vincolata dalla Parola di Dio”. Allo stesso modo, la Confessione belgica dichiarava: “Noi crediamo che la Scrittura sia santa e contenga completamente la volontà di Dio, e che qualunque cosa l’uomo deve sapere sulla salvezza è sufficientemente ivi insegnato … Né possiamo considerare dare a scritti di uomini, per quanto santi questi uomini possano essere stati, pari valore a quello delle Sacre Scritture, né dovremmo considerare la grande moltitudine di scritti antichi, o la successione nel tempo delle persone, o i consigli ecclesiastici, decreti o statuti, dando loro pari valore della verità di Dio … Pertanto, respingiamo con tutto il nostro cuore tutto quello che non è in accordo con questa regola infallibile “(VII).
“Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, perché l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona.” II Timoteo 3:16,17

Sola Fide: la giustificazione è per sola fede

Il principio della Riforma è la giustificazione per sola fede. Poiché la Confessione di fede di Westminster dice: “Cristo è il solo strumento della giustificazione tramite la fede non solo nelle persone giustificate, ma è sempre accompagnato da tutte le altre grazie della salvezza, e non è fede morta, ma opera per mezzo dell’amore.” La confessione elvetica sottolinea altresì la necessità di coloro che vivono giustificati per la fede dicendo: “Noi confessiamo che l’accesso che abbiamo ai grandi tesori alle ricchezze della bontà di Dio che si è degnato di noi e ci ha donato la fede; in quanto, in questa fiducia è la garanzia del cuore, crediamo nelle promesse del Vangelo, e di ricevere Gesù Cristo come egli ci è stato offerto dal Padre e dalla Parola di Dio.
“Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio.” Efesini 2:8

Sola Gratia: la salvezza è per sola grazia

L’insegnamento centrale della Riforma è la salvezza per grazia. Anche se la chiesa romana insegna che la Santa Messa è «un sacrificio veramente propiziatorio” e che dalla “Messa di Dio … [concessione della grazia e del dono della penitenza], rimette le nostre colpe e perfino i nostri peccati più grandi” – i riformatori restituirono a questa dottrina la dottrina biblica della salvezza per grazia mediante la fede. I nostri peccati ci sono stati rimessi una volta per tutte davanti a Dio per concessione della sua grazia a grazie al sacrificio di Gesù Cristo nostro Signore. In contrasto con le dottrine di auto-merito insegnate dalla Chiesa di Roma, la sola gratia e le dottrine della grazia – depravazione totale, elezione incondizionata, la redenzione limitata, e la perseveranza dei santi – sono state predicate da tutti i riformatori durante tutto il movimento protestante. Come anche la confessione battista del 1689 dice: “Cristo, con la sua obbedienza e la morte, ha riscattato completamente il debito di tutti coloro che sono giustificati … la loro giustificazione è dovuta solo alla grazia Dio.”
“Sappiamo che l’uomo non è giustificato per le opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Cristo Gesù, e abbiamo anche noi creduto in Cristo Gesù per essere giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge; perché dalle opere della legge nessuno sarà giustificato.” Galati 2:16

Solus Christus! Veniamo salvati solo con l’opera di Cristo

La Riforma disse che la Chiesa sarebbe dovuta tornare alla fede in Cristo come unico mediatore tra Dio e l’uomo, così come dice la Bibbia. Mentre la chiesa romana dichiara che “c’è un purgatorio e che vi si trovano le anime dei defunti che vengono aiutate dall’ intercessione dei fedeli” e che “i santi sono venerati e invocati” che le loro reliquie sono venerate”. I riformatori insegnano che la salvezza è solo nell’opera di Cristo per mezzo della fede. Come disse Giovanni Calvino “Cristo è intervenuto, ha preso su di sé la punizione e il giudizio a causa di peccatori. Con il suo sangue ha espiato i peccati che li ha resi nemici di Dio e, pertanto, ha riscattato l’umanità… guardiamo solo a Cristo per il favore divino e amore paterno!”. Allo stesso modo il Catechismo di Heidelberg dice: “Fate come quelli che cercano la loro salvezza e la felicità nei santi? Essi ne sono privi, perché, sebbene si vantano di lui a parole ma nei fatti negano Gesù l’unico salvatore e Salvatore: essi aggiungono complementi al Salvatore rendendo così incompleto e inutile il suo unico sacrificio per riscattarci”.
“Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.” Giovanni 14:6. “In nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati.” Atti 4:12. “Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo.” I Timoteo 2:5

Soli Deo Gloria! Solo a Dio la gloria

La Riforma esaltò l’insegnamento scritturale della sovranità di Dio su ogni aspetto della vita del credente. Tutta la vita deve essere vissuta per la gloria di Dio. Come il Catechismo Minore di Westminster dice: “Qual è il fine principale dell’uomo? Il fine principale dell’uomo è di glorificare Dio e di godere di lui per sempre”. Questa grande dichiarazione è stata sottolineata da coloro che, nei secoli 16° e 17° hanno cercato di riformare la Chiesa secondo la Parola di Dio. A contrasto con la vita monastica perpetuata dalla Chiesa romana, i riformatori sono attivi in ogni aspetto della vita, dalla politica alle opere sociali e non si rinchiudono in conventi con il solo scopo di pregare, per quanto importante rimanga la preghiera nella vita del credente. Essi vivono tutta la vita sotto la signoria di Cristo. Ogni attività del cristiano è santificata e ha come fine la gloria di Dio.
“In lui sono state create tutte le cose che sono nei cieli e sulla terra, le visibili e le invisibili: troni, signorie, principati, potenze; tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui.” Colossesi 1:16
 

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

valdesidipignano.it

Per informazioni contattaci su questa e-mail mail@valdesidipignano.it

Lascia un commento

8x1000